Ejinath

CapoSciame


Generalità

Un Ejinath è un umano modificato con arti magico-alchemiche ancora sconosciute. Gode quindi di una scintilla convenzionale, ospitata da un corpo particolarmente robusto che si decompone in pochi secondi una volta ucciso, probabilmente a causa degli effetti del procedimento di trasformazione. Si possono considerare senzienti, ma la loro consapevolezza è palesemnete azzerata dal controllo mentale permanente impostogli dalle figure di comando dello Sciame ejinath.

Aspetto

L’aspetto è di umanoide con un volto glabro e rugoso dalla pelle color ghiaccio, ornata da protuberanze di varie lunghezze all’altezza della fronte.

Caratteristiche

I Capisciame sono comunemente al comando delle incursioni ejinath e possiedono comprensione e linguaggio simile a quello umano. Non sono comunque propensi a parlare se non per minacce o richieste di resa. Sono sempre dotati di capacità magiche più o meno sviluppate e cercano di restare nelle retrovie colpendo e dirigendo gli assalti della prole. In diverse occasioni la creatura conosciuta come Il Legato ha preso possesso dei loro corpi per parlare o agire secondo propria volontà. Soprattutto quando si accorge che uno dei suoi capisciame è stato catturato vivo e rischia di divulgare informazioni. Questi esseri non hanno infatti alcuna resistenza agli effetti mentali o di compulsione, probabilmente modificati magicamente proprio per renderli facilmente controllabili.
Spesso brandiscono bastoni magici, bacchette o altre armi intrise d’etere. Non solo possiedono una naturale resistenza alle cerchie minori di incantesimi, ma possono con facilità, (sebbene non sembri essere una caratteristica intrinseca) rifletterne gli effetti all’incantatore.